Questo post è un po’ per maniaci dell’homebrewing (e assolutamente inutile per chi non si fa la birra) ma ho deciso di iniziare a postare qualcosa che coinvolga chi come me condivide la passione per la Birra a tal punto da volersela fare, sperimentando, oltre che bere senza sosta.

La mia prossima prova, dopo la birrificazione casalinga di una birra che richiama lo stile California Common con fermentatore chiuso e lievito Lager tenuto a temperatura di 19°C che ora sta facendo le pause al freddo prima dell’imbottigliamento, sarà un test sulla produzione della stessa ricetta a fermentatore aperto e medesima temperatura durante la primaria. Sì esatto, non metterò il coperchio nè il gorgogliatore fino a chiusura della primaria. A primaria conclusa travaserò e metterò tutto nel pulito, sigillando il coperchio perchè finita la fermentazione tumultuosa è più complesso.

A birra imbottigliata sarà possibile constatare gli effetti sulle caratteristiche organolettiche della fermentazione aperta. Contrariamente a quanto si creda, il rischio di infezione non è così alto. La densa schiuma protegge il mosto, isolandolo. Ovviamente è necessario fermentare in ambiente pulito e toccare la birra con strumenti ben sanificati.

Fermentatori aperti alla Anchor Brewing co

Fermentatori aperti alla Anchor Brewing co

La ricetta è quella di una comune West Coast Ale. Malti Pils, Pale, Crystal, in aroma luppolo Northern Brewer (e un po’ di Mandarina Bavaria che non c’entra niente ma mi piace molto). In amaro poco Magnum per ottenere un IBU piuttosto basso. Lievito California Lager.

Questo è il video dal quale ho preso ispirazione per questa serie di birre.