Gli americani amano bere la birra a temperature polari.

Gli inglesi bevono la birra calda.  MA PERCHE’???

Ecco perchè

Ovviamente stiamo generalizzando. Non tutti gli inglesi vanno al pub e non tutti gli americani bevono Coors Light, ma…

Gli inglesi

ale

La realtà è che gli inglesi bevono tipicamente le Ales, Porter, Stout al pub, spillate dai fusti.

La Ale inglese viene servita a temperatura ambiente. Questo vuol dire che i fusti nei pub non vengono messi in cella come succede da noi, ma lasciati sotto il bancone. Il clima british è favorevole, diciamolo, perchè difficilmente nei pub, nemmeno nelle estati più torride, ci saranno i 40 gradi ordinari dei pub romani a luglio. Anzi, in realtà ora la birra viene tenuta a temperatura controllata (10/14 gradi). Questa temperatura ne accentua gli aromi. La spillatura dal fusto avviene spesso a pompa o con un impianto a bassissima pressurizzazione rispetto agli italiani (ho visto usare impianti per la coca-cola applicati a birre industriali). Questo evita l’eccessiva carbonazione (birra meno gassata o quasi piatta). Bere una Ale inglese o una Porter a 12 gradi, quasi piatta, è un piacere sublime, almeno per me.

Gli americani

coors

Gli americani bevono dozzine di birrette in bottiglia da .04 o lattine ghiacciate tirate fuori dai frigo (che tengono tranquillamente a 3/4 gradi). Il motivo è che la massa beve non-birre piene di mais che sarebbero imbevibili a temperature più alte.

Fai una prova: prendi una Bud o una Miller al supermercato, tienila a 8 gradi e prova a berla. Il retrogusto di “mangime per i polli” la fa da padrone e ti impedisce di proseguire la bevuta. Idem senza bollicine.

La differenza non è quindi culturale ma qualitativa. Le due bevande vengono chiamate entrambe birra ma sono due cose completamente diverse.

Da leggere per saperne di più

[easyazon_infoblock align=”none” identifier=”8865161647″ locale=”IT” tag=”marketi8020-21″]

 

[easyazon_infoblock align=”none” identifier=”B00UVQTVU8″ locale=”IT” tag=”marketi8020-21″]